Ravvedimento operoso imposta di registro: come funziona?

Una guida per poter ottenere i benefici previsti dal ravvedimento operoso imposta di registro.

ravvedimento-operoso

Il ravvedimento operoso è uno strumento che permette di regolarizzare versamenti di imposte omessi o insufficienti, o altre irregolarità di natura fiscale, potendo beneficiare di importanti sconti sulle sanzioni ordinariamente previste. Ma come funziona il ravvedimento operoso imposta di registro? Quali sono le sue caratteristiche? E come poter beneficiare delle riduzioni?

Chi può beneficiare del ravvedimento operoso imposta di registro

Possono beneficiare del ravvedimento operoso imposta di registro tutti i contribuenti. Si tenga conto che, contrariamente a quanto pensano ancora alcuni, oggi non è più necessario, per poter usufruire di tale possibilità, che la violazione non sia già stata constatata e notificata da parte dell’Agenzia delle Entrate, nè che non siano iniziati accesso, ispezioni e verifiche, o altre attività di accertamento.

Quali sono i benefici previsti dal ravvedimento operoso

I mancati versamenti possono essere “recuperati” attraverso il ravvedimento operoso, effettuando il pagamento dell’imposta di registro dovuta, degli interessi (da calcolarsi al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento sarebbe dovuto esser stato effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta.

Agenzia-delle-Entrate

In tal proposito, ricordiamo che la sanzione subisce una riduzione a seconda del numero di giorni di ritardo. In particolare:

  • Se il pagamento è effettuato entro 30 giorni dalla data del mancato pagamento originario del tributo, la sanzione è ridotta al 3%.
  • Se il pagamento è effettuato entro il 90mo giorno successivo al mancato pagamento originario, la sanzione è ridotta a 1/9 del minimo.
  • Se il pagamento è effettuato entro un anno dal mancato pagamento originario, la sanzione è ridotta a 1/8 del minimo.
  • Se il pagamento è effettuato entro due anni dal mancato pagamento originario, la sanzione è ridotta a 1/7 del minimo.
  • Se il pagamento è effettuato entro tre anni dal mancato pagamento originario, la sanzione è ridotta a 1/6 del minimo.

ravvedimento-operoso-imu_NG4

Si tenga inoltre conto che per i contribuenti che scelgono di regolarizzare il tardivo versamento dell’imposta di registro entro i 14 giorni successivi alla scadenza, è possibile ridurre ulteriormente la misura nella sanzione ridotta, poichè la stessa verrà ridotta allo 0,2% per ogni giorno di ritardo, se il versamento dell’imposta viene effettuato entro 14 giorni dalla scadenza e allo stesso versamento si accompagna quello, spontaneo, degli interessi legali.

Come effettuare il versamento

Il versamento previsto dal ravvedimento operoso imposta di registro può essere effettuato attraverso le apposite deleghe di pagamento. In merito, segnaliamo come l’Agenzia delle Entrate ricordi che a seconda della tipologia di versamento è previsto un modulo differente. In maniera più dettagliata, in caso di versamento di tributi, sanzioni e interessi correlati alla registrazione dei contratti di locazione, si utilizzerà il modello F24 Elide. Per l’imposta di registro e per gli altri tributi indiretti si userà il modello F23, mentre per gli altri (imposte sui redditi, imposte sostitutive, Iva, Irap, imposta sugli intrattenimenti) si userà il modello F24.

1036

Nel modulo di versamento occorrerà inserire gli appositi codici tributo, differenziati a seconda che si tratti di imposta recuperata, sanzioni, interessi.